10 I più utili integratori a base di erbe per la salute generale

Mani femminili che tengono una ciotola piena di supplementi di erbe

Supplementi di erbe sembrano traboccare nel corridoio di supplemento al tuo negozio di alimentari locale. Per questo motivo, può essere difficile sapere quali saranno i più vantaggiosi e quali sono solo una perdita di tempo per le tue esigenze di salute. Per non parlare del fatto che spesso gli integratori sugli scaffali dei negozi non sono regolati così strettamente come i farmaci da prescrizione.

Sebbene gli integratori a base di erbe siano tenuti a seguire le buone pratiche di fabbricazione e gli standard di qualità, non richiedono l'approvazione della Food and Drug Administration (FDA) prima di immettere i loro prodotti sul mercato (1). Pertanto, può essere difficile sapere se determinati integratori sono sicuri.

Ma non lasciare che questo disclaimer ti impedisca di provare gli integratori a base di erbe. Questo perché ci sono alcuni marchi stimabili là fuori che portano alcuni integratori molto utili per una salute ottimale. Puoi utilizzare le informazioni su siti Web come US News e World Report per aiutarti a trovare marchi di integratori a base di erbe di cui ti puoi fidare (2).

Inoltre, cerca i marchi di integratori a base di erbe certificati NSF per garantire che ciò che è contenuto nella bottiglia degli integratori sia ciò che è realmente nella bottiglia (3). Questa certificazione garantisce inoltre che il prodotto non contenga ingredienti non dichiarati o livelli inaccettabili di contaminanti.

Ora che sai un po 'su come scegliere una marca di integratori, diamo un'occhiata ai dieci più utili integratori a base di erbe. I supplementi in questa lista hanno una ricerca basata sull'evidenza per dimostrare che sono efficaci nel promuovere la salute. In questo modo puoi essere certo di scegliere gli integratori più preziosi non solo per i tuoi soldi, ma per la tua salute ottimale.

Supplementi di erbe più utili e come aiutano

Echinacea

La pianta dell'echinacea, o coneflower, è una pianta nordamericana nativa le cui radici e parti fuori terra sono state usate nella loro forma fresca e secca come medicina tradizionale per molti anni (4).

Questo integratore vegetale può essere trovato sotto forma di tè, succo espresso, estratti, capsule e preparati. L'echinacea è più comunemente conosciuta per il suo uso nell'aiutare ad alleviare i sintomi del raffreddore comune (5). La ricerca mostra che il trattamento profilattico con questo estratto (2400 mg / die) su 4 mesi sembrava essere benefico per prevenire o curare il raffreddore comune (6).

Tuttavia, questo integratore a base di erbe sta promettendo come un trattamento utile per molti altri aspetti della salute. Si ritiene che alcuni di questi benefici per la salute possano provenire dal suolo e dalla materia organica in cui sono coltivati ​​(7). È in questa coltivazione che può alterare la comunità batterica nella pianta e fornire o migliorare i suoi benefici.

Il contenuto di coneflower di alcuni tipi di alimenti per animali è stato trovato per contenere proprietà antiossidanti che possono ridurre lo stress ossidativo (8). Inoltre, uno shampoo contenente Echinacea purpurea è stato trovato per ridurre la secchezza e il prurito del cuoio capelluto dopo quattro settimane di utilizzo negli adulti affetti da tali sintomi (9).

La ricerca mostra che benefici come questo derivano dalle proprietà antiossidanti e antinfiammatorie della pianta e dal suo ruolo uno stimolante del sistema immunitario (10,11). Queste proprietà possono provenire dai composti fenolici acidi cicorico e caftarico, che possono essere estratti rispettivamente dai fiori di coneflower e dalle foglie viola (12).

Altri benefici includono benefici per la salute respiratoria e guarigione delle ferite (13). Un esempio di guarigione delle ferite è nelle ulcere orali. Uno studio ha dimostrato che Echinacea compresse somministrate in oltre sei mesi hanno contribuito a ridurre l'intensità del dolore così come il completo miglioramento e il tasso di recidiva delle ulcere orali comuni (14).

Un altro esempio di questo è mostrato in uno studio sull'eczema atopico in cui il trattamento della condizione con Echinacea l'estratto ha contribuito a ripristinare la barriera lipidica epidermica, a ridurre l'infiammazione e a ridurre i sintomi generali della condizione della pelle (15).

L'uso orale a breve termine di Echinacea è considerato probabilmente sicuro nella maggior parte degli adulti sani, ma gli effetti a lungo termine sono incerti (4). Il rischio di interazioni tra l'echinacea e altri farmaci è basso e gli effetti collaterali più comuni sono nausea o mal di stomaco. Sebbene, è possibile essere allergici a questo integratore a base di erbe. Pertanto, se si sviluppa un rash dopo aver assunto il supplemento, è meglio interrompere l'uso. Altrimenti, sentiti libero di aggiungerlo alla tua routine quotidiana per iniziare a raccogliere tutto EchinaceaBenefici.

Correlato: Elenco dei 10 ha migliorato gli integratori di echinacea

aglio

Conosciuto per il suo gusto pungente in molti piatti, l'aglio è una deliziosa prelibatezza. Ma è bene sapere che questa pianta bulbosa ha anche molti benefici per la salute (16). Conosciuto anche con il suo nome latino Allium sativum, l'aglio è una pianta della famiglia dei gigli conosciuta per la sua benefici per la salute del cuore oltre a promuovere una sana digestione e respirazione (17).

L'aglio può essere consumato nella sua forma fresca o essiccato come parte di un integratore, con estratto di aglio invecchiato (AGE) essendo una forma popolare di integratore alimentare di aglio.

La ricerca mostra che i composti di organosulfur trovati nell'aglio possono essere efficaci nel ridurre la pressione sanguigna (18). L'estratto di aglio invecchiato, in particolare, promette non solo di abbassare la pressione sanguigna, ma anche di migliorare la rigidità arteriosa, l'infiammazione e il profilo microbico intestinale (19).

Inoltre, gli studi dimostrano anche che l'AGE può avere proprietà antitumorali che potrebbero aiutare gli individui sani a ridurre il rischio di alcuni tumori (20).

Un'altra forma di aglio, aglio nero, ha anche mostrato benefici per la salute promettenti. Uno studio su pazienti con malattie cardiache ha rilevato che l'aglio nero può migliorare la qualità della vita e la frazione di eiezione ventricolare sinistra, tra gli altri fattori (21). Lo fa aumentando i livelli di antiossidanti.

Queste proprietà antiossidanti di l'aglio può migliorare l'infiammazione nel corpo, che può ridurre il rischio di malattie croniche. In effetti, uno studio dimostra che l'integrazione di aglio può abbassare i livelli della proteina C-reattiva marcatore infiammatorio nel corpo (22). Questi risultati sono stati osservati in studi in cui le persone consumavano circa 1200 milligrammi o più al giorno di aglio e avevano un livello di CRP di 2 milligrammi / litro o più.

Riducendo l'infiammazione nel corpo, la ricerca ha trovato molti benefici correlati dell'aglio. Uno studio mostra che il consumo giornaliero di AGE nell'arco di quattro mesi può ridurre il sanguinamento da infiammazione gengivale e, a sua volta, migliorare la salute orale (23). Inoltre, in uno studio su donne in sovrappeso e obese con osteoartrosi del ginocchio, 12 settimane di supplementazione con aglio potrebbe ridurre la gravità del dolore (24).

L'aglio è probabilmente sicuro per la maggior parte delle persone nelle quantità che possono essere normalmente consumate nel cibo (16). Tuttavia, ci sono alcuni effetti collaterali come l'alitosi, l'odore del corpo, bruciore di stomaco e mal di stomaco.

Si dovrebbe anche fare attenzione a non consumare l'aglio se si prende un anticoagulante poiché potrebbe aumentare il rischio di sanguinamento. E se prendi certi farmaci, come i farmaci contro l'HIV, potrebbe ridurne l'efficacia. Al di fuori di queste dichiarazioni cautelative, l'aglio può fornire una pletora di benefici per la salute per la maggior parte delle persone.

Correlato: Elenco dei 10 ha migliorato gli integratori di zenzero

Ginger

Questo fusto sotterraneo edibile può essere trovato in forma di radice fresca o essiccata o in compresse, capsule, estratti liquidi e tè (25). È noto per alleviare i disturbi digestivi come nausea e vomito.

La ricerca mostra che si tratta di un rimedio sicuro ed efficace per aiutare quelli con nausea e vomito post-operatori, nausea in donne in gravidanza e nausea in quelli sottoposti a chemioterapia (26). Uno studio 2018 conferma che lo zenzero è un rimedio sicuro per la nausea e il vomito per le donne in gravidanza (27).

Tuttavia, le proprietà di alleviamento della nausea di questo integratore vegetale sono solo l'inizio dei benefici per la salute che lo zenzero può fornire.

In primo luogo, la ricerca mostra che lo zenzero ha proprietà antitumorali che probabilmente derivano dai composti attivi nello zenzero noti come 6-gingerolo e 6-shogaol (28). Si ritiene che questa attività antitumorale provenga dalla capacità dello zenzero di controllare le proteine ​​regolatrici della crescita cellulare.

Altri studi dimostrano che i componenti attivi dello zenzero, sotto forma di estratto o di composti isolati, presentano proprietà antiproliferative, antitumorali e antinfiammatorie (29).

Per quanto riguarda le proprietà anti-infiammatorie, la ricerca mostra che potrebbe essere dovuto a più di solo i componenti attivi 6-gingerolo e 6-shogaol. Infatti, queste proprietà antinfiammatorie potrebbero anche essere dovute agli effetti combinati di entrambi i metaboliti, nonché dei gingeroli e degli oli essenziali aromatici dello zenzero (30). La capacità dello zenzero di ridurre l'infiammazione può essere legata alla sua capacità di migliorare i marcatori della salute metabolica.

La ricerca mostra anche che la somministrazione orale di integratore di polvere di zenzero può migliorare i marcatori del diabete (31). Tali marcatori comprendono il digiuno della glicemia, l'emoglobina A1C, l'apolipoproteina B e l'apolipoproteina A-1, per citarne alcuni. Inoltre, uno studio 2018 mostra che gli spettacoli di zenzero promettono di supportare la gestione dell'obesità aumentando la disgregazione del grasso, sopprimendo la formazione di grasso, inibendo l'assorbimento del grasso intestinale e controllando l'appetito (32).

Anche se lo zenzero può produrre effetti collaterali come disagio addominale, diarrea, bruciore di stomaco e gas, è generalmente sicuro da consumare per la maggior parte delle persone (25).

Coloro che assumono fluidificanti del sangue dovrebbero evitare il consumo di zenzero poiché possono interagire con tali farmaci.

Inoltre, quelli che hanno la malattia del calcoli biliari non dovrebbero prendere lo zenzero poiché possono aumentare il flusso della bile.

E anche se le ricerche non mostrano alcun danno nelle donne in gravidanza quando assumono lo zenzero, quelle donne dovrebbero comunque informare il loro medico prima di assumere questo integratore.

Correlato: Elenco dei 10 ha migliorato gli integratori di zenzero

Ginkgo

Essendo una delle più antiche specie di alberi viventi al mondo, il ginkgo è stato usato nella medicina cinese per molti anni (33). Il ginkgo può essere assunto come integratore sotto forma di compresse, capsule, estratti e tè.

È l'estratto di foglie di ginkgo che viene spesso usato come disturbo per molte condizioni diverse come problemi cognitivi, di visione e di cuore.

Per quanto riguarda la salute cognitiva, la ricerca mostra che l'estratto di ginkgo biloba (GBE) può aiutare chi soffre di decadimento cognitivo lieve e di demenza (34). I risultati dello studio mostrano che vi è una chiara evidenza che gli MBE, combinati con il trattamento farmacologico, possono aiutare a migliorare la cognizione, i sintomi neuropsichiatrici e le attività quotidiane. Sebbene non ci siano prove sufficienti per dimostrare che il ginkgo potrebbe prevenire problemi di funzione cognitiva.

Tuttavia, la ricerca mostra che una dose di 240-milligrammo di GBE è sicura ed efficace nel trattamento della demenza (35). Inoltre, gli studi dimostrano che i GBE hanno gli effetti potenzialmente più benefici a dosi superiori a 200 milligrammi al giorno per almeno cinque mesi (36).

Inoltre, uno studio 2018 mostra che una certa forma di GBE può ridurre alcuni sintomi neurosensoriali in quelli con demenza. I risultati dello studio mostrano che EGb 761® può aiutare a ridurre sintomi quali l'acufene (ronzio nelle orecchie) e le vertigini in quelli con demenza (37).

Oltre a tali condizioni cognitive, il ginkgo può anche aiutare quelli con deterioramento cognitivo vascolare (VCI). Uno studio 2017 lo dimostra Ginkgo biloba può aiutare a rallentare il deterioramento cognitivo in quelli con VCI, ma sono necessari ulteriori studi per confermare questo risultato (38).

Infine, GBE potrebbe aiutare a migliorare le prestazioni aerobiche nei maschi fisicamente attivi. Uno studio 2017 ha esaminato l'impatto dell'estratto di foglie di Ginkgo biloba sulle prestazioni cognitive e fisiologiche. I risultati dello studio mostrano che sei settimane di integrazione con GBE hanno apportato miglioramenti marginali ai giovani fisicamente attivi nei marcatori di prestazioni di resistenza come VO2 max e capacità antiossidante del sangue (39).

Inoltre, l'estratto ha in qualche modo supportato una migliore neuroprotezione attraverso l'aumento della produzione di fattore neurotrofico derivato dal cervello (BDNF) indotto dall'esercizio. Questa proteina è responsabile della promozione della sopravvivenza delle cellule nervose, che aiuta a proteggere la salute del cervello.

Il ginkgo è considerato generalmente sicuro se assunto per via orale in quantità moderate (33). Alcuni effetti collaterali del ginkgo possono includere mal di testa, mal di stomaco o reazioni cutanee allergiche.

Dal momento che il ginkgo può interagire con alcuni farmaci come anticoagulanti, è importante informare il medico prima di iniziare questo integratore.

È anche importante notare che non si dovrebbero mai consumare semi di ginkgo crudi o arrostiti poiché sono considerati velenosi e possono produrre gravi effetti collaterali.

Correlato: Elenco dei 10 è il miglior integratore di ginkgo rivisto

Milk Thistle

Conosciuto anche come marianum Silybum, questa pianta in fiore è l'integratore a base di erbe più comunemente usato per problemi di salute del fegato (40). Il componente principale dei semi di cardo mariano è chiamato silimarina.

Si trova in silimarina dove i flavoligni e i silibina ricchi di antiossidanti risiedono e mantengono potenti benefici per la salute, come nella salute del fegato (41). Supplementi di cardo mariano possono essere trovati in capsule, polveri ed estratti (40).

Il cardo mariano possiede potenzialmente proprietà antivirali e antinfiammatorie. In uno studio su animali, la supplementazione di cardo mariano è stata in grado di indurre effetti antiinfiammatori sulla lesione epatica causata da colestasi (42). La colestasi si verifica quando il flusso biliare dal fegato rallenta o si ferma, il che provoca prurito scomodo. Può portare alla morte delle cellule del fegato, alla cirrosi e all'insufficienza epatica.

Cardo mariano potrebbe potenzialmente ridurre tali sintomi riducendo i marcatori di stress ossidativo.

Altre ricerche mostrano che il silibin può anche avere benefici per la salute per le persone con malattie metaboliche come il diabete e quelle con cancro. Uno studio mostra che la supplementazione di cardo mariano ha aiutato a controllare le complicazioni del diabete come la neuropatia diabetica e la nefropatia, nonché la steatosi epatica non alcolica (43).

Un altro studio mostra che il cardo mariano ha il potenziale per abbassare i livelli di lipidi nel corpo, oltre a presentare antipertensivi, anti-obesità, e proprietà antidiabetiche (44).

Infine, sono in corso ricerche per vedere se il cardo mariano potrebbe aiutare i malati di cancro ad alleviare gli effetti collaterali della chemioterapia (45).

Gli integratori di cardo mariano sembrano essere ben tollerati nella maggior parte delle persone nelle dosi raccomandate (40). Gli unici effetti collaterali che possono verificarsi occasionalmente includono alcuni problemi gastrointestinali, basso livello di zucchero nel sangue in quelli con diabete e reazioni allergiche in quelli allergici alle piante della stessa famiglia, come l'ambrosia, le mamme, la calendula e le margherite.

Inoltre, questo integratore a base di erbe può interagire con farmaci ipolipemizzanti, contraccettivi orali, farmaci per l'HIV e l'epatite C, nonché con chemioterapie per il cancro (41). Pertanto, se si cade in uno di questi gruppi, si prega di essere prudenti nel prendere questo supplemento. In caso contrario, cardo mariano potrebbe essere una grande aggiunta alla routine di supplemento per migliorare la salute del fegato e del metabolismo.

Correlato: Elenco dei 10 ha migliorato gli integratori di cardo mariano

Panax Ginseng

Panax ginseng, noto anche come ginseng asiatico, è stato usato per migliaia di anni come integratore medicinale (46). Ha una reputazione per aiutare a ripristinare l'energia e migliorare il benessere generale del corpo e della mente. I benefici di Panax ginseng si pensa che provengano dai componenti chimici della pianta noti come ginsenosidi.

La ricerca mostra che la radice del ginseng può aiutare a normalizzare le funzioni del corpo e rafforzare i corpi di coloro che sono affetti da stress (47). Ad esempio, i ruoli principali del ginseng rosso coreano sono noti per includere il potenziamento immunitario, l'antiossidante e l'aumento della memoria.

Molti in vitro studi dimostrano che i ginsenosidi nel ginseng possono aiutare a ridurre l'infiammazione (48). Inoltre, studi sugli animali dimostrano che il ginseng potrebbe aiutare a fornire effetti protettivi nei pazienti con colite, epatite indotta dall'alcool e disturbi della memoria. Questi effetti antinfiammatori sono stati osservati anche in modelli animali di malattie della pelle come la dermatite atopica e le condizioni respiratorie come l'asma.

Inoltre, la ricerca dimostra che il ginseng ha un ruolo versatile nel migliorare la salute della mente e del corpo. Uno studio dimostra che il ginseng può essere un trattamento promettente per la fatica (49). Nel frattempo, un altro studio dimostra che il ginseng può aiutare a ridurre i livelli lipidici, migliorare la circolazione sanguigna e ridurre lo stress ossidativo che può portare a malattie cardiache (50).

E sebbene gli studi sugli animali siano stati finora la principale fonte di dati, il ginseng mostra anche il potenziale un supplemento anti-obesità negli umani (51). Per contribuire a tali effetti anti-obesità, uno studio 2018 mostra che un'integrazione di due settimane con ginseng coreano ad alte dosi ha aiutato gli individui sani e attivi a migliorare significativamente l'esercizio fisico percepito, il dolore / indolenzimento muscolare e l'affaticamento neuromuscolare (52).

Infine, la ricerca mostra che il ginseng potrebbe essere un integratore a base di erbe per il corpo a causa del suo promettente impatto positivo su quelli con condizioni di salute mentale come ansia e depressione (53). Sebbene siano necessari ulteriori studi in merito a questo potenziale beneficio per la salute del ginseng.

Uso a breve termine di Panax ginseng nelle quantità consigliate si pensa che siano sicure per la maggior parte delle persone (46). Alcuni effetti collaterali del supplemento possono includere mal di testa, problemi digestivi e problemi di sonno.

Si raccomanda, tuttavia, che i bambini, le donne incinte e le donne che allattano al seno non assumano ginseng per motivi di sicurezza. Inoltre, coloro che assumono anticoagulanti, così come quelli con diabete e ipertensione dovrebbero fare attenzione quando consumano il ginseng.

Se il medico ti dà l'ok, allora potresti trarre beneficio dall'aggiunta di ginseng al tuo regime di vita sano quotidiano.

Correlato: Elenco dei 10 ha migliorato i supplementi di ginseng

Rhodiola

Conosciuto anche come radice artica o Rhodiola rosea, questo integratore a base di erbe è noto per la sua capacità di aiutare a trattare molte condizioni legate allo stress come depressione, ansia e mal di testa, nonché affaticamento e anemia (54). Questo supplemento si trova nella sua forma di estratto di radice in forma di capsule o compresse.

La ricerca mostra che l'estratto di Rhodiola rosea (REE) può giocare un ruolo efficace nella gestione dello stress. I risultati dello studio mostrano che è efficace nel trattamento dei sintomi dello stress e nella prevenzione dello stress cronico e delle complicanze legate allo stress (55). Lo fa aumentando il metabolismo energetico e influenzando il rilascio di ormoni dello stress. Un altro studio sullo stress mostra che il trattamento con Rhodiola rosea ha contribuito a migliorare i sintomi di burnout durante le settimane di trattamento con 12 (56).

Anche quelli con condizioni di salute mentale potrebbero trarne beneficio Rhodiola rosea supplementazione. Uno studio 2018 mostra che sei settimane di integrazione con rhodiola in combinazione con lo zafferano possono aiutare a gestire la depressione da lieve a moderata, nonché a migliorare i sintomi depressivi e ansiosi (57).

E se provi affaticamento, stress o altri motivi, la rhodiola può aiutarti. Uno studio 2017 mostra che la dose giornaliera di 2 X 200 di un estratto secco di Rhodiola rosea, chiamato WS® 1375, può essere efficace in coloro che soffrono di affaticamento prolungato o cronico (58).

Non ci sono molte informazioni sulla sicurezza disponibili per questo integratore a base di erbe, ma potrebbe causare effetti collaterali come vertigini e secchezza delle fauci (54). Sarà importante verificare la certificazione NSF di qualsiasi prodotto rhodiola utilizzato ed essere sicuri di parlare con il proprio medico prima di iniziare questo integratore a base di erbe per valutare potenziali problemi di sicurezza.

Correlato: Elenco dei 10 ha migliorato gli integratori di rhodiola

Saw Palmetto

Il frutto di una piccola palma originaria del sud-est degli Stati Uniti è meglio conosciuto per il suo benefici per la salute quando si tratta di salute degli uomini (59). Il supplemento a base di erbe di saw palmetto, o Serenoa repens, è un estratto del suo frutto che viene consumato come essiccato, macinato, come bacche intere, come un estratto liquido, come un tè, o in compresse o capsule.

Il frutto del saw palmetto è stato utilizzato dagli indiani americani per il cibo e come disturbo per le malattie urinarie e riproduttive per molti anni (60). Le bacche sono state usate anche come antisettico ed espettorante. Tuttavia, molti degli studi si sono concentrati sui benefici per la salute urinaria.

Ad esempio, uno studio ha scoperto che 320 milligrammi di saw palmetto al giorno per otto settimane ha contribuito a migliorare i sintomi dell'iperplasia prostatica benigna (IPB) e della disfunzione sessuale (61). BPH è un altro nome per l'allargamento della prostata e può portare a disfunzioni sessuali e sintomi come ridotta funzionalità renale, debole flusso di urina e / o calcoli alla vescica.

Uno studio 2015 ha rilevato che i milligrammi 160 di saw palmetto al giorno per sei settimane hanno migliorato la qualità della vita e i punteggi dei sintomi prostatici (IPSS) (62). Nel frattempo, dopo 12 settimane di trattamento, c'è stato anche un significativo miglioramento della velocità del flusso urinario e dell'urina residua post-epatica.

Altri benefici per la salute di Saw Palmetto sono promettenti coinvolgere la salute della pelle. La recensione di un dermatologo sul supplemento ha scoperto che potrebbe essere di aiuto per quelli con alopecia androgenetica e acne (60).

Inoltre, ci può essere promessa per l'uso di questo integratore a base di erbe nel trattamento della sindrome dell'ovaio policistico nelle donne.

Saw Palmetto è tollerato dalla maggior parte delle persone con solo lievi effetti collaterali come sintomi digestivi o mal di testa (59). Poco si sa sulla sicurezza di questo integratore a base di erbe nelle donne e nei bambini poiché la maggior parte degli studi si concentrava sugli uomini, quindi queste persone dovrebbero parlare con un medico prima di assumere questo integratore. Tuttavia, è bene sapere che non ci sono state interazioni farmacologiche con saw palmetto.

Correlato: Elenco dei 10 ha migliorato i supplementi di palmetto di Saw

Wort di San Giovanni

Conosciuto anche come Hypericum perforatum, questa pianta fiorita è stata usata per migliaia di anni per disturbi come l'insonnia, la guarigione delle ferite e problemi di salute ai reni e ai polmoni (63). Tuttavia, l'uso principale di questo erba di San Giovanni è di curare la depressione.

La ricerca mostra che l'erba di San Giovanni (SJW) è efficace rispetto al placebo nel migliorare i sintomi in quelli con depressione da lieve a moderata (64). Altri studi hanno confermato tali risultati e hanno suggerito che SJW potrebbe fornire risultati simili per quelli con depressione lieve o moderata come inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) tipicamente prescritti per tali pazienti (65,66). Questo supplemento è stato considerato più sicuro degli SSRI in questa modalità di trattamento (65). Tuttavia, non è chiaro se tali risultati si vedrebbero in quelli con forme più gravi di depressione.

Studi recenti mostrano anche che SJW potrebbe mostrare la promessa di trattare anche altre condizioni. Uno studio 2018 mostra che SJW in piccole dosi di milligrammi 250 al giorno potrebbe avere un effetto positivo sulla capacità di memoria a breve termine (67). Un altro studio 2018 mostra che SJW, sotto forma di un unguento, potrebbe aiutare a ridurre il dolore in coloro che si stanno riprendendo da un'episiotomia (68).

L'erba di San Giovanni è stata trovata per interagire con una varietà di farmaci come antidepressivi, pillole anticoncezionali e anticoagulanti, per citarne alcuni (63). Pertanto, parla con il tuo farmacista o medico prima di aggiungere questo integratore al tuo regime.

E se si soffre di depressione, è molto importante parlare con il proprio medico prima di apportare modifiche al regime terapeutico.

Correlato: Elenco dei 10 miglior recensione st. integratori di erba di john

Curcuma

Ultimo, ma certamente non meno importante, è la spezia d'oro il cui principio attivo curcumina presenta molti benefici per la salute (69). La curcumina è ben nota per il suo uso come antinfiammatorio in molte condizioni come l'artrite, le condizioni digestive e problemi di salute respiratoria, tra le altre cose.

Della massa totale di curcuma, la curcumina produce solo circa il 5-percento di curcuma, ma ha un potente potere medicinale (70).

La ricerca mostra che i benefici per la salute della curcumina derivano dalle sue proprietà anti-infiammatorie e antiossidanti (71). Queste proprietà possono renderlo un efficace trattamento supplementare per la sindrome metabolica, l'artrite, l'ansia e le condizioni di salute del cuore come l'iperlipidemia.

Ad esempio, una revisione di meta-analisi degli studi mostra che circa 1000 milligrammi di curcumina al giorno può essere un'opzione di trattamento secondario efficace per quelli con artrite (72).

Questo è solo un breve elenco del potenziale di salute di questo integratore a base di erbe. E per renderlo ancora più utile, la curcumina è considerata non tossica e con pochi effetti collaterali (73). Infatti, la curcumina è generalmente considerata sicura se assunta per bocca o applicata sulla pelle (69).

Tuttavia, grandi dosi o uso a lungo termine possono portare a problemi gastrointestinali. Ma con moderazione, la curcumina, derivata dalla curcuma speziata, può fornire un'aggiunta sana a tutto tondo alla tua routine quotidiana.

Correlato: Elenco dei 10 è il miglior integratore di curcuma rivisto

Altri supplementi a base di erbe da considerare

Oltre agli integratori a base di erbe elencati, ce ne sono altri che possono integrare il tuo stile di vita sano.

Ad esempio, se vuoi rafforzare la tua funzione cognitiva, allora prova un estratto di tè verde (74).

D'altra parte, se si soffre di infezioni del tratto urinario, allora si consiglia di dare una prova di estratto di mirtillo (75).

Infine, se stai vivendo con i sintomi della menopausa, allora cohosh nero può aiutare a ridurre le vampate di calore e migliorare la qualità generale della vita (76).

sommario

Estratti di erbe in cima ad una tabella di legno

I supplementi di erbe possono essere una grande aggiunta a qualsiasi regime di vita sano. Ma proprio come con qualsiasi prodotto per la salute, è importante fare la tua ricerca e assicurarti che il prodotto sia sicuro e adatto ai tuoi obiettivi di salute.

I suddetti integratori a base di erbe sono considerati generalmente sicuri per la maggior parte delle persone sane.

Salvo diversa indicazione sicura, è meglio per coloro che sono incinte o che allattano al seno evitare di assumere integratori dietetici non prescritti da un medico.

Poiché alcuni integratori a base di erbe possono interagire con alcuni farmaci, è meglio consultare un medico qualificato prima di iniziare un nuovo regime di integratori. Una volta prese queste precauzioni, puoi scegliere con sicurezza l'integratore a base di erbe che soddisferà al meglio le tue esigenze dietetiche e di salute generale.

Indipendentemente dal supplemento di erbe che scegli di assumere, assicurati di renderlo parte di uno stile di vita sano e olistico. Questo perché per trarre i maggiori benefici per la salute dal tuo regime di integratori a base di erbe, dovresti assumere una dieta sana ed equilibrata e impegnarti in comportamenti di stile di vita sano come un regolare esercizio fisico.

Altri comportamenti di stile di vita sano che dovrebbero far parte del tuo stile di vita sano comprendono ricevere un sonno adeguato, gestire lo stress e limitare il consumo o evitare sostanze come alcol e droghe e non fumare alcuna sostanza.

Gli integratori a base di erbe, se consumati in modo sicuro e come parte di uno stile di vita sano, possono aiutare il tuo corpo a essere più sano e sentirsi al meglio. Possono aiutare a ridurre l'infiammazione nel corpo, promuovere un miglioramento della salute mentale e cardiaca e ridurre i sintomi delle condizioni digestive, tra gli altri benefici.

Potresti trovare l'integratore a base di erbe che funziona meglio per te e ti aiuta a soddisfare le tue esigenze di salute ottimali!

Ⓘ Eventuali integratori specifici e marchi presenti in questo sito Web non sono necessariamente approvati da Staci.

Referenze
  1. Mayo Clinic (November 8, 2017) "Nutrizione e alimentazione sana." https://www.mayoclinic.org/healthy-lifestyle/nutrition-and-healthy-eating/in-depth/herbal-supplements/art-20046714
  2. S. News & World Report: Salute (accesso a gennaio 14, 2019) "Vitamine e integratori". https://health.usnews.com/health-products/vitamins-and-supplements-12
  3. NSF: Organizzazione per la salute e la sicurezza pubblica (accesso a gennaio 14, 2019) "Supplemento e certificazione di vitamine". http://www.nsf.org/consumer-resources/health-beauty/supplements-vitamins/supplement-vitamin-certification
  4. Centro nazionale per la salute complementare e integrativa (aggiornato 2016 di settembre) "Echinacea". https://nccih.nih.gov/health/echinacea/ataglance.htm
  5. Ross, SM (Jan-Feb. 2016) "Echinacea purpurea: un estratto proprietario di Echinacea purpurea è indicato per essere sicuro ed efficace nella prevenzione del raffreddore comune." Pratica infermieristica olistica, 30 (1) 54-57.
  6. Rondanelli, M., et al. (2018). "Cura di sé per raffreddori comuni: il ruolo cardine della vitamina D, della vitamina C, dello zinco e Echinaceain tre principali gruppi immunitari interattivi (barriere fisiche, immunità innata e adattativa) coinvolti in un episodio di raffreddori comuni - consigli pratici sui dosaggi e sul tempo di assumere questi nutrienti / vegetali per prevenire o curare raffreddori comuni. " Medicina complementare e alternativa basata sull'evidenza: eCAM, 2018, 5813095. doi: 10.1155 / 2018 / 5813095
  7. Haron, MH, et al. (2019 di gennaio) "L'azione immunitaria di Echinacea purpurea basata sul microbioma vegetale dipende dal contenuto di sostanza organica del suolo." Rapporti scientifici, 9 (1): 136.
  8. Oniszczuk, T., et al. (2016). "Composti polifenolici attivi, contenuto di nutrienti e capacità antiossidante di mangimi per pesci estrusi contenenti echinacea viola (Echinacea purpurea(L.) Moench.). " Rivista saudita di scienze biologiche, 26(1), 24-30.
  9. Kilic, A., Harder, A., Reich, H., Knie, U., Masur, C., & Abels, C. (2018). Efficacia di emulsioni idrofiliche o lipofile contenenti Echinacea purpureaestratto in trattamento di diversi tipi di prurito. Dermatologia clinica, cosmetica e sperimentale, 11, 591-602. doi: 10.2147 / CCID.S172518
  10. Catanzaro, M., Corsini, E., Rosini, M., Racchi, M., & Lanni, C. (2018). Immunomodulatori ispirati alla natura: una recensione su curcumina ed echinacea. Molecole (Basilea, Svizzera), 23(11), 2778. doi: 10.3390 / molecules23112778
  11. Parsons, JL, Cameron, SI, Harris, CS, & Smith, ML (2018). Biotecnologia dell'echinacea: progressi, commercializzazione e considerazioni future. Biologia farmaceutica, 56(1), 485-494.
  12. Senica, M., Mlinsek, G., Veberic, R. e Mikulic-Petkovsek, M. (settembre 2018) "Quale parte vegetale di Coneflower viola (Echinacea purpurea (L.) Moench) dovrebbe essere usata per il tè e quale per Tintura?" Journal of medicinal food, doi: 10.1089 / jmf.2018.0026
  13. Sharifi-Rad, M., et al. (Settembre 2018) "Le piante di echinacea come agenti antiossidanti e antibatterici: dalla medicina tradizionale alle applicazioni biotecnologiche." Ricerca di fitoterapia, 32 (9): 1653-1663.
  14. Oláh, A., et al. (2017 di ottobre) "Echinacea purpurea-le alchilammidi derivate mostrano potenti effetti anti-infiammatori e allevia i sintomi clinici dell'eczema atopico. " Journal of Dermatological Science, 88 (1) 67-77.
  15. Centro nazionale per la salute complementare e integrativa (aggiornato 2016 di settembre) "Aglio". https://nccih.nih.gov/health/garlic/ataglance.htm
  16. Bayan, L., Koulivand, PH, & Gorji, A. (2014). Aglio: una rassegna dei potenziali effetti terapeutici. Avicenna rivista di fitomedicina, 4(1), 1-14.
  17. Arreola, R., Quintero-Fabián, S., López-Roa, RI, Flores-Gutiérrez, EO, Reyes-Grajeda, JP, Carrera-Quintanar, L., e Ortuño-Sahagún, D. (2015). Immunomodulazione e effetti antinfiammatori dei composti dell'aglio. Journal of immunology research, 2015, 401630.
  18. Ried, K., & Fakler, P. (2014). Potenziale d'aglio (Allium sativum) nell'abbassare la pressione alta: meccanismi d'azione e rilevanza clinica. Controllo della pressione arteriosa integrato, 7, 71-82. doi: 10.2147 / IBPC.S51434
  19. Ried, K., Travica, N., & Sali, A. (2018). L'effetto dell'estratto di aglio invecchiato Kyolic su microbiota intestinale, infiammazione e marker cardiovascolari negli ipertesi: la prova di GarGIC. Frontiere nell'alimentazione, 5, 122. doi: 10.3389 / fnut.2018.00122
  20. Miraghajani, M., Rafie, N., Hajianfar, H., Larijani, B., & Azadbakht, L. (2018). Aglio invecchiato e cancro: una revisione sistematica. Rivista internazionale di medicina preventiva, 9, 84. doi: 10.4103 / ijpvm.IJPVM_437_17
  21. Liu, J., Zhang, G., Cong, X., & Wen, C. (2018). L'aglio nero migliora la funzione cardiaca nei pazienti con malattia coronarica migliorando i livelli circolanti di antiossidanti. Frontiere in fisiologia, 9, 1435. doi: 10.3389 / fphys.2018.01435
  22. Taghizadeh, M., Hamedifard, Z. e Jafarnejad, S. (October 2018) "Effetto della supplementazione di aglio sul livello di proteina C-reattiva sierica: una revisione sistematica e una meta-analisi di studi randomizzati e controllati". Ricerca sulla fitoterapia, doi: 10.1002 / ptr.6225.
  23. Zini, A., Mann, J., Mazor, S. e Vered, Y. (June 2018) "L'efficacia dell'estratto di aglio invecchiato sulla gengivite - Una sperimentazione clinica randomizzata". Il diario dell'odontoiatria clinica, 29 (2) 52-56.
  24. Dehghani, S., et al. (Settembre 2018) "L'effetto di un supplemento di aglio sulle adipocitochine pro-infiammatorie, sulla resistenza e sul fattore di necrosi tumorale-alfa e sulla gravità del dolore, nelle donne sovrappeso o obese con artrosi del ginocchio." Fitomedicina: rivista internazionale di fitoterapia e fitofarmacologia, 48: 70-75.
  25. Centro nazionale per la salute complementare e integrativa (novembre 30, 2016) "Ginger". https://nccih.nih.gov/health/ginger
  26. Stanisiere, J., Mousset, PY, & Lafay, S. (2018). "Quanto è sicuro il rizoma di zenzero per la diminuzione della nausea e del vomito nelle donne durante la gravidanza precoce?
    Alimenti (Basilea, Svizzera), 7(4), 50. doi: 10.3390 / foods7040050
  27. Lete, I., & Allué, J. (2016). "L'efficacia dello zenzero nella prevenzione della nausea e del vomito durante la gravidanza e la chemioterapia". Approfondimenti sulla medicina integrativa, 11, 11-7. doi: 10.4137 / IMI.S36273
  28. Prasad, S., & Tyagi, AK (2015). "Ginger e suoi costituenti: ruolo nella prevenzione e nel trattamento del cancro gastrointestinale". Ricerca e pratica in gastroenterologia, 2015, 142979.
  29. de Lima, RMT., et al. (Ottobre 2018) "Potenziale protettivo e terapeutico dell'estratto di zenzero (Zingiber officinale) e [6] -gingerolo nel cancro: una revisione completa". Ricerca sulla fitoterapia, 32 (10) 1885-1907.
  30. Funk, JL, Frye, JB, Oyarzo, JN, Chen, J., Zhang, H. e Timmermann, BN (2016). "Effetti anti-infiammatori degli oli essenziali di zenzero (Zingiber officinaleRoscoe) in artrite reumatoide sperimentale. " PharmaNutrition, 4(3), 123-131.
  31. Khandouzi, N., Shidfar, F., Rajab, A., Rahideh, T., Hosseini, P., e Mir Taheri, M. (2015). "Gli effetti dello zenzero sul digiuno di zucchero nel sangue, dell'emoglobina a1c, dell'apolipoproteina B, dell'apolipoproteina aI e della malondialdeide nei pazienti diabetici tipo 2." Rivista iraniana di ricerca farmaceutica: IJPR, 14(1), 131-40.
  32. Ebrahimzadeh, AV, et al. (April 2018) "Una revisione sistematica dell'anti-obesità e dell'effetto di riduzione del peso dello zenzero (Zingiber officinale Roscoe) e dei suoi meccanismi d'azione." Ricerca sulla fitoterapia, 32 (4) 577-585.
  33. Centro nazionale di medicina complementare e integrativa (marzo 10, 2017) "Ginkgo". https://nccih.nih.gov/health/ginkgo/ataglance.htm
  34. Zhang, HF, Huang, LB, Zhong, YB, Zhou, QH, Wang, HL, Zheng, GQ, e Lin, Y. (2016). "Una panoramica delle revisioni sistematiche di Ginkgo bilobaEstratti per lieve deterioramento cognitivo e demenza. " Frontiere nell'invecchiamento delle neuroscienze, 8, 276. doi: 10.3389 / fnagi.2016.00276
  35. Hashiguchi, M., Ohta, Y., Shimizu, M., Maruyama, J., e Mochizuki, M. (2015). "Meta-analisi dell'efficacia e della sicurezza dell'estratto di Ginkgo biloba per il trattamento della demenza." Rivista di medicina farmaceutica e scienze, 1, 14. doi:10.1186/s40780-015-0014-7
  36. Yuan, Q., Wang, CW, Shi, J. e Lin, ZX (Gennaio 2017) "Effetti del Ginkgo biloba sulla demenza: una panoramica delle revisioni sistematiche". Journal of ethnopharmacology, 195: 1-9.
  37. Demarin, V., Bašić Kes, V., Trkanjec, Z., Budišić, M., Bošnjak Pašić, M., Črnac, P., e Budinčević, H. (2017). "Efficacia e sicurezza di Ginkgo bilobaestratto standardizzato nel trattamento del danno cognitivo vascolare: uno studio clinico randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo. " Malattia e trattamento neuropsichiatrici, 13, 483-490. doi: 10.2147 / NDT.S120790
  38. Spiegel, R., Kalla, R., Mantokoudis, G., Maire, R., Mueller, H., Hoerr, R., e Ihl, R. (2018). “Ginkgo bilobaestrai EGb 761® allevia i sintomi neurosensoriali nei pazienti con demenza: una meta-analisi degli effetti del trattamento su acufeni e vertigini in studi randomizzati, controllati con placebo. " Interventi clinici nell'invecchiamento, 13, 1121-1127. doi: 10.2147 / CIA.S157877
  39. Sadowska-Krępa, E., Kłapcińska, B., Pokora, I., Domaszewski, P., Kempa, K., & Podgórski, T. (2017). "Effetti del supplemento di Ginkgo biloba a sei settimane sulle prestazioni aerobiche, sul sangue pro / equilibrio antiossidante e sul fattore neurotrofico derivato dal cervello in uomini fisicamente attivi". Nutrienti, 9(8), 803. doi: 10.3390 / nu9080803
  40. Centro nazionale per la salute complementare e integrativa (ultimo aggiornamento 2016 di settembre) "Cardo mariano". https://nccih.nih.gov/health/milkthistle/ataglance.htm
  41. Siegel, AB, e Stebbing, J. (2013). "Cardo mariano: primi semi del potenziale." The Lancet. Oncologia, 14(10), 929-30.
  42. Alaca, N., et al. (Novembre 2017) "Il trattamento con estratto di cardo mariano (Silybum marianum), acido ursodesossicolico o la loro combinazione attenua il danno epatico colestatico nei ratti: ruolo delle cellule staminali epatiche". Il giornale turco di gastroenterologia, 28 (6) 476-484.
  43. Kazazis, CE, Evangelopoulos, AA, Kollas, A., e Vallianou, NG (2014). "Il potenziale terapeutico del cardo mariano nel diabete". La revisione degli studi sul diabete: RDS, 11(2), 167-74.
  44. Tajmohammadi, A., Razavi, BM e Hosseinzadeh, H. (ottobre 2018) "Silybum marianum (cardo mariano) e il suo costituente principale, la silimarina, come potenziale pianta terapeutica nella sindrome metabolica: una recensione." Ricerca sulla fitoterapia, 32 (10) 1933-1949.
  45. Frassová, Z. e Rudá-Kučerová, J. (Winter 2017) "[Cardo mariano (Silybum Marianum) come agente fitoterapico di supporto in oncologia]." Klinicka onklogie, 30 (6): 426-432.
  46. Centro nazionale per la salute complementare e integrativa (novembre 29, 2016) "Ginseng asiatico". https://nccih.nih.gov/health/asianginseng/ataglance.htm
  47. Lee, SM, Bae, BS, Park, HW, Ahn, NG, Cho, BG, Cho, YL e Kwak, YS (2015). "Caratterizzazione del ginseng rosso coreano (Panax ginseng Meyer): storia, metodo di preparazione e composizione chimica". Journal of ginseng research, 39(4), 384-91.
  48. Kim, JH, Yi, YS, Kim, MY, & Cho, JY (2016). "Ruolo dei ginsenosidi, i principali componenti attivi di Panax ginseng, in risposte infiammatorie e malattie. " Journal of ginseng research, 41(4), 435-443.
  49. Arring, NM, Millstine, D., Marks, LA e Nail, LM (July 2018) "Ginseng come trattamento per la fatica: una revisione sistematica". Giornale di medicina alternativa e complementare, 24 (7) 624-633.
  50. Kim JH (2017). "Applicazioni farmacologiche e mediche di Panax ginseng e ginsenosidi: una rassegna per l'uso nelle malattie cardiovascolari. " Journal of ginseng research, 42(3), 264-269.
  51. Li, Z., & Ji, GE (2017). "Ginseng e obesità". Journal of ginseng research, 42(1), 1-8.
  52. Caldwell, LK, et al. (2018). "Gli effetti di un ginseng coreano, GINST15, sullo sforzo percettivo, sulle prestazioni psicomotorie e sulle prestazioni fisiche negli uomini e nelle donne". Rivista di scienza e medicina sportiva, 17(1), 92-100.
  53. Lee, S., & Rhee, DK (2017). "Effetti del ginseng sulla depressione correlata allo stress, sull'ansia e sull'asse ipotalamo-ipofisi-surrene". Journal of ginseng research, 41(4), 589-594.
  54. Centro nazionale per la salute complementare e integrativa (aggiornato 2016 di settembre) "Rhodiola". https://nccih.nih.gov/health/rhodiola
  55. Anghelescu, IG, Edwards, D., Seifritz, E. e Kasper, S. (Gennaio 2018) "Gestione dello stress e ruolo della Rhodiola rosea: una recensione." Rivista internazionale di psichiatria nella pratica clinica, 11: 1-11.
  56. Kasper, S., & Dienel, A. (2017). "Studio clinico esplorativo multicentrico, in aperto con Rhodiola roseaestratto in pazienti che soffrono di sintomi di burnout ". Malattia e trattamento neuropsichiatrici, 13, 889-898. doi: 10.2147 / NDT.S120113
  57. Bangratz, M., Ait Abdellah, S., Berlino, A., Blondeau, C., Guilbot, A., Dubourdeaux, M., & Lemoine, P. (2018). "Una valutazione preliminare di una combinazione di rhodiola e zafferano nella gestione della depressione lieve-moderata." Malattia e trattamento neuropsichiatrici, 14, 1821-1829. doi: 10.2147 / NDT.S169575
  58. Lekomtseva, Y., Zhukova, I. e Wacker, A. (2017) "Rhodiola rosea in soggetti con sintomi di affaticamento prolungato o cronico: risultati di una sperimentazione clinica in aperto". Ricerca sulla medicina complementare, 24 (1) 46-52.
  59. Centro nazionale per la salute complementare e integrativa (aggiornato 2016 di settembre) "Saw Palmetto". https://nccih.nih.gov/health/palmetto/ataglance.htm
  60. Reddy, V., Bubna, AK, Veeraraghavan, M. e Rangarajan, S. (2017) "Ho visto estratto di palmetto: la prospettiva di un dermatologo." Rivista indiana di farmaci in dermatologia, 3 (1) 11-13.
  61. Suter, A., Saller, R., Riedi, E. e Heinrich, M. (Febbraio 2013) "Migliorare i sintomi dell'IPB e le disfunzioni sessuali con una preparazione al Saw Palmetto? Risultati di una sperimentazione pilota. " Ricerca sulla fitoterapia, 27 (2) 218-226.
  62. Ju, XB, et al. (Dicembre 2015) "[Efficacia e sicurezza delle capsule di estratto di Saw Palmetto nel trattamento dell'iperplasia prostatica benigna]." Zhonghua Nan Ke Xue, 21 (12) 1098-1101.
  63. Centro nazionale per la salute complementare e integrativa (ultimo aggiornamento dicembre 1, 2016) "St. John's Wort. " https://nccih.nih.gov/health/stjohnswort/ataglance.htm
  64. Apaydin, EA, Maher, AR, Shanman, R., Booth, MS, Miles, JN, Sorbero, ME, e Hempel, S. (2016). "Una revisione sistematica di erba di San Giovanni per il disturbo depressivo maggiore". Recensioni sistematiche, 5(1), 148. doi:10.1186/s13643-016-0325-2
  65. Cui, YH e Zheng, Y. (2016). "Una meta-analisi sull'efficacia e la sicurezza dell'estratto di erba di San Giovanni nella terapia della depressione rispetto agli inibitori selettivi del reuptake della serotonina negli adulti." Malattia e trattamento neuropsichiatrici, 12, 1715-23. doi: 10.2147 / NDT.S106752
  66. Ng, QX, Venkatanarayanan, N. e Xian Ho, CY (March 2017) "Uso clinico di Hypericum perforatum (Erba di San Giovanni) in depressione: una meta-analisi. " Journal of Affective Disorders, Volume 210: 211-221.
  67. Yechiam, E., Ben-Eliezer, D., Ashby, NJS e Bar-Shaked, M. (October 2018) "L'effetto acuto di Hypericum perforatum sulla memoria a breve termine negli adulti sani." Psychopharmacology, doi: 10.1007/s00213-018-5088-0.
  68. Vakili, F., Mirmohammadaliei, M., Montazeri, A., Farokhi, M., e Minaee, MB (2018). "Impatto dell'iperico pomata perforato sull'intensità del dolore perineale a seguito di episiotomia: uno studio randomizzato controllato con placebo". Journal of caring sciences, 7(4), 205-211. doi:10.15171/jcs.2018.031
  69. Centro nazionale per la salute complementare e integrativa (aggiornato 2016 di settembre) "Curcuma". https://nccih.nih.gov/health/turmeric/ataglance.htm
  70. Nelson, KM, Dahlin, JL, Bisson, J., Graham, J., Pauli, GF, e Walters, MA (2017). "La chimica medicinale essenziale della curcumina". Giornale di chimica farmaceutica, 60(5), 1620-1637.
  71. Hewlings, SJ e Kalman, DS (2017). "Curcumina: una revisione dei suoi" effetti sulla salute umana ". Alimenti (Basilea, Svizzera), 6(10), 92. doi: 10.3390 / foods6100092
  72. Ogni giorno, JW, Yang, M. e Park, S. (2016). "Efficacia degli estratti di curcuma e della curcumina per alleviare i sintomi dell'artrite articolare: una revisione sistematica e meta-analisi di studi clinici randomizzati". Giornale di cibo medicinale, 19(8), 717-29.
  73. Rahmani, AH, Alsahli, MA, Aly, SM, Khan, MA, e Aldebasi, YH (2018). "Ruolo della curcumina nella prevenzione e cura delle malattie". Ricerca biomedica avanzata, 7, 38. doi: 10.4103 / abr.abr_147_16
  74. Pervin, M., Unno, K., Ohishi, T., Tanabe, H., Miyoshi, N. e Nakamura, Y. (2018). "Effetti benefici delle catechine del tè verde sulle malattie neurodegenerative". Molecole (Basilea, Svizzera), 23(6), 1297. doi: 10.3390 / molecules23061297
  75. Luczak, T. e Swanoski, M. (August 2018) "Una revisione dell'uso del mirtillo per prevenire le infezioni del tratto urinario negli anziani". Il farmacista consulente, 33 (8) 450-453.
  76. Mehrpooya, M., Rabiee, S., Larki-Harchegani, A., Fallahian, AM, Moradi, A., Ataei, S., e Javad, MT (2018). "Uno studio comparativo sull'effetto di" black cohosh "e" evening primrose oil "sulle vampate di calore della menopausa." Rivista di educazione e promozione della salute, 7, 36. doi: 10.4103 / jehp.jehp_81_17

Foto di riserva da Praisaeng / Fecundap stock / Shutterstock

Iscriviti per aggiornamenti

Ricevi aggiornamenti su supplementi, notizie, omaggi e altro!

Qualcosa è andato storto. Si prega di controllare le voci e riprovare.

Condividi questo post!

Questo post è stato utile?
Facci sapere se ti è piaciuto il post. Questo è l'unico modo in cui possiamo migliorare.
17
non1

Lascia un tuo commento





Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.

Circa l'autore

Staci Gulbin, MS, MEd, RD.

Staci Gulbin, MS, MEd, RD.

Staci Gulbin, MS, MEd, RD è un dietista registrato, scrittore freelance, redattore sanitario e fondatore di LighttrackNutrition.com. Attraverso la sua scrittura, spera di fornire agli altri una visione imparziale e basata sull'evidenza di argomenti di salute e benessere in modo che possano prendere decisioni istruite quando costruiscono il loro stile di vita sano. Email Staci.