10 Migliori tipi di integratori per la salute delle articolazioni e delle ossa

Donna seduta nel Tanktop verde che tiene il suo ginocchio

Restare giovani dipende in molti modi dalla salute delle articolazioni e delle ossa.

Se le tue articolazioni si muovono come dovrebbero, il tuo movimento è libero. Il movimento articolare ristretto appare invece come un invecchiamento - e debolezza.

Inoltre provoca dolore alle articolazioni e infiammazione e può interferire con il modo in cui ti senti riguardo a tutto ciò che accade nella tua vita. Molte persone con dolori articolari sembrano essere più scontrose e con una miccia più corta - ed è comprensibile a causa del dolore in cui si trovano.

Il dolore alle articolazioni può anche essere associato a diverse forme di artrite, come l'artrosi - il tipo che deriva da lesioni - o l'artrite reumatoide, una malattia autoimmune.

Quando le tue ossa sono forti e allineate, la tua postura è buona. Sembrerai essere più giovane di qualcuno che è curvo o qualcuno con una posizione di testa in avanti.

Quando le ossa sono indebolite, ad esempio a causa della bassa densità ossea o dell'osteoporosi, piccoli traumi si manifestano come grandi scosse per il corpo, causando fratture ossee. Un classico esempio è l'atto di aprire una finestra, che può fratturare una vertebra.

Ogni parte del tuo corpo può essere rafforzata con una buona alimentazione e ciò include le articolazioni e le ossa. Ci vuole tempo, ma quando controlli i tuoi progressi, vedrai le pietre miliari dei risultati ogni due settimane.

10 Supplementi articolari e ossei più utili

Questo articolo fornisce un elenco dei migliori integratori 10 per aiutarti a migliorare la salute delle ossa e delle articolazioni nel tempo.

Tè verde

Il tè verde offre benefici distinti alle ossa e ai tessuti articolari.

Le differenze tra diversi tipi di tè

I tipi di tè - bianchi, verdi, neri e rossi - disponibili oggi sul mercato sono leggermente diversi l'uno dall'altro. Tutti questi sono fatti dalla pianta Camellia sinensis.

Il tè verde sono le foglie non trasformate della pianta di Camellia sinensis. Le foglie di tè verde vengono cotte a vapore, arrotolate e asciugate.

Tutta l'Asia ha iniziato a bere tè verde poco dopo il tempo in cui un imperatore cinese era fuori a rilassarsi sul terreno reale accanto a una tazza di acqua bollente seduto su un tavolino.

Una foglia ha soffiato via la pianta del tè e nella sua tazza. La foglia di tè impregnata, offrendo i suoi benefici nei prossimi cinque minuti. L'imperatore allora bevve questa prima tazza di tè e amò come si sentiva dalla bevanda. Il tè verde è nato in questo momento storico.

Il tè nero viene lavorato di più e comporta la fermentazione e quindi una maggiore ossidazione delle foglie. L'ossidazione è responsabile del cambiamento di colore e anche il livello inferiore di polifenoli. L'ossidazione si traduce in un livello inferiore di antiossidanti, che possono quindi influire sulla salute delle ossa e delle articolazioni.

I cinesi chiamano il tè nero del tè nero, ed è considerato il più basso grado di tè - cioè il tipo di tè con il più basso livello di antiossidanti e altri ingredienti medicinali.

Il tè Oolong ha un colore tra il tè verde e quello nero e i suoi antiossidanti e componenti medicinali sono a livelli intermedi tra quelli che si trovano nei tè verdi e neri. Tuttavia, un ricercatore ha scoperto che sia il tè verde che quello nero avevano quantità identiche di polifenoli, che ancora traducevano fino a 10 volte la quantità di polifenoli presenti in frutta e verdura.

Ciò significa che puoi ancora ottenere più polifenoli in una tazza di tè rispetto a tutti i frutti e le verdure che mangi ogni giorno.

Il tè bianco viene importato da un certo posto in Cina, dove la pianta è stata trovata per avere i più alti livelli di antiossidanti. È il meno elaborato, quindi gli antiossidanti rimangono intatti.

Catechine, antiossidanti e polifenoli nel tè

Sono le catechine nella pianta del tè che sono responsabili degli effetti più positivi sulla salute delle ossa e delle articolazioni.

In uno studio brasiliano, gli scienziati hanno testato l'estratto di tè verde sui processi ossidativi che si verificano nel fegato e nel cervello dei ratti con artrite. Hanno detto che questo ha simulato l'uomo con l'artrite reumatoide.

Per i giorni 23, i ratti hanno ricevuto l'estratto di tè verde. Il tè ha ridotto il danno di proteine ​​e lipidi nel fegato, nel cervello e nel plasma. Ha ridotto i radicali liberi nei tessuti e aumentato i livelli di antiossidanti nel sangue. Questi livelli di antiossidanti sono generalmente bassi in coloro che hanno l'artrite.

L'estratto di tè normalizzava gli antiossidanti nel sangue. Nel fegato, il tè verde ha anche normalizzato le funzioni metaboliche che sono sostanzialmente modificate dall'artrite. (1)

Ad esempio, normalizza le funzioni metaboliche dell'enzima glucosio-6-fosfato deidrogenasi.

Bene, questo è uno studio con i topi, si potrebbe dire. E gli umani?

Saresti corretto. È uno studio sui ratti e tu non sei un topo. Ci sono stati studi sul tè verde e sugli esseri umani.

In uno studio saudita alla King Saud University, i pazienti 120 che avevano avuto l'artrite reumatoide per almeno 10 anni sono stati trattati con un farmaco comune chiamato infliximab, tè verde o un programma di esercizi per sei mesi.

Infliximab porta il terrore nel cuore di coloro che sono curati in modo naturale a causa dei suoi effetti collaterali sul corpo.

I pazienti a cui è stato somministrato il tè verde da solo o il tè verde più i farmaci o l'esercizio con il tè verde hanno mostrato un miglioramento significativo nel loro funzionamento articolare e nei marcatori di riassorbimento osseo e infiammatorio.

Gli scienziati hanno concluso che sia l'esercizio sia il tè verde erano utili come modulatori non steroidi per l'artrite reumatoide (2).

Non è necessario avere malattie ossee o articolari attive per beneficiare del tè verde.

I costituenti medicinali inibiscono l'espressione del gene TNF-alfa. Il TNF-alfa è un mediatore centrale nelle malattie infiammatorie croniche come la sclerosi multipla.

I ricercatori giapponesi hanno condotto uno studio sugli animali e hanno scoperto che il tè verde aiuta a prevenire le malattie cardiovascolari e ha effetti preventivi sulle malattie infiammatorie croniche e sulle malattie legate allo stile di vita, incluso il cancro. Promuove una lunga vita (3).

Uno dei composti più attivi responsabili degli effetti positivi sulla salute nel tè verde è chiamato epigallocatechina-3-gallato o EGCG in breve (4).

La ricerca cinese mostra che ha effetti antiossidanti, anti-infiammatori, anti-collagenasi e anti-fibrosi e il potenziale di rigenerazione ossea (4). Tutte queste attività che lavorano singolarmente o in concerto contribuiranno a far star meglio le ossa e le articolazioni.

Correlata: la nostra lista dei migliori estratti di tè verde

multivitaminico

Per molto tempo, da dietista, nutrizionista e poi chirurgo, non ho mai capito perché lo "establishment" fosse contro coloro che volevano assumere integratori alimentari come i multivitaminici per migliorare la propria salute.

Ho avuto un'esperienza di prima mano su quanto la cattiva alimentazione abbia interferito con la buona salute quando sono cresciuto con la malnutrizione. Ero uno dei tanti bambini di una grande famiglia in cui il cibo era scarso e mi sentivo straordinariamente meglio quando li prendevo, come facevano i miei fratelli.

Qualche decennio più tardi, durante l'addestramento del mio maestro in nutrizione, mi sembrava incredibile che un altro studente universitario aprisse la strada ricerca multivitaminica per mostrare un vantaggio sulla salute è stato ostracizzato dai professori. Ha solo ricevuto il suo grado per grazia divina.

Avanziamo di qualche decennio e ci sono molte ricerche che dimostrano che un integratore multivitaminico multivitaminico può fare molto per fornire un livello superiore di salute delle ossa e delle articolazioni rispetto a quello che si ha in questo momento (5).

D'altra parte, ci sono ancora recensioni della letteratura che affermano che gli integratori non sono utili per la salute delle articolazioni e delle ossa.

Scoprirai perché.

Ecco il primo esempio: "Il calcio può prevenire la perdita di densità minerale ossea nelle donne in postmenopausa e può ridurre le fratture vertebrali ma non le fratture non vertebrali. L'evidenza suggerisce benefici dose-dipendenti di vitamina D con / senza calcio per mantenere la densità minerale ossea e prevenire la frattura dell'anca, le fratture non vertebrali e le cadute. "

I ricercatori proseguono affermando: "Non abbiamo trovato alcun modello coerente di aumento degli effetti avversi del multivitaminico / integratore minerale eccetto per l'ingiallimento della pelle da parte del beta-carotene" (6).

Ciò che questo discorso scientifico significa è:

  1. Il calcio aiuta a mantenere la densità ossea.
  2. La supplementazione di calcio può impedire a una donna in post-menopausa di avere fratture vertebrali, ma non fratture di altre ossa.
  3. Se la vitamina D viene aggiunta al calcio, aiuta le ossa a mantenere la loro densità e previene le fratture dell'anca.
  4. La vitamina D previene anche le cadute e altre fratture ossee.
  5. La caccia alle streghe continua ancora da decenni fa - DOVREBBE esserci qualcosa di sbagliato nel prendere un integratore multivitaminico / minerale!

Il punto più grande qui è che molti ricercatori non hanno preso Nutrizione 101, 201, 301 e 401 dove avrebbero appreso che il calcio è solo un piccolo minerale e non è un miracolo da solo.

Ha bisogno di tutte le altre vitamine e minerali per ottenere il miglior effetto netto ottimale su ossa e articolazioni.

Puoi testare milioni di persone per la salute del calcio e delle ossa o delle articolazioni e otterrai sempre risultati contrastanti.

Questo è semplicemente perché se non si forniscono tutti i nutrienti allo stesso tempo, allora si potrebbe ancora perdere un nutriente chiave per ottenere questi tessuti sani. E questo distorcerà i risultati.

Altre volte, i ricercatori dimenticano persino che forse è importante vedere dove sono i livelli di nutrienti di una persona prima di dare in modo casuale un supplemento da prendere.

Il corpo non diventerà mai sovrumano semplicemente perché fornisci vitamina (s) e / o minerale (i) in più.

Tuttavia, se i tuoi livelli sono a basso contenuto di nutrienti e poi inizi a consumare quella sostanza nutritiva - o meglio ancora un minerale multivitaminico, noterai generalmente un cambiamento.

Questo perché c'erano i sintomi di carenza che stavi vivendo dai bassi livelli. Quando viene fornita la sostanza nutritiva, allora la carenza scompare.

Atteggiamenti che cambiano su multivitaminici e minerali

Fortunatamente per tutti noi, gli atteggiamenti stanno cambiando su multivitaminici e minerali.

Il 73% degli ortopedici ha riportato in un sondaggio 2008 degli operatori sanitari che utilizzano almeno occasionalmente integratori alimentari. È un multivitaminico che usano più spesso,

Oltre il 25% in ciascuna specialità analizzata (i dermatologi 300, gli ortopedici 300 e i cardiologi 300) hanno affermato di utilizzare i grassi omega-3 e oltre 20% di utilizzare integratori botanici (7).

Un supplemento dietetico regolare è stato preso giornalmente da 50% di tutti gli ortopedici. Ed ecco la parte migliore di tutto - 91% di ortopedici ha riferito di raccomandare integratori alimentari ai propri pazienti ai fini della salute delle ossa e delle articolazioni.

Più studi positivi sull'osso e unire miglioramenti della salute da multivitaminici

Ecco alcuni studi aggiuntivi che mostrano benefici distinti sulla salute delle ossa e delle articolazioni da multivitaminici.

  • Uno studio polacco sugli atleti che giocavano a football americano ha utilizzato un sondaggio per vedere quali integratori alimentari stavano assumendo per livelli di energia, massa muscolare e forza migliori (direttamente collegati alla salute delle ossa e delle articolazioni) e una migliore capacità fisica.

I ricercatori hanno ipotizzato che l'atleta non avrebbe preso il supplemento se non avesse creduto di lavorare per lui.

Hanno scoperto che gli atleti utilizzavano integratori multivitaminici molto più spesso se ritenevano che i loro risultati sarebbero stati migliori di quelli che non ci credevano (8). Alcuni degli altri integratori utilizzati includevano integratori di supporto articolare, polveri proteiche e bevande isotoniche, nonché integratori di aminoacidi e grassi omega 3.

  1. Ricercatori australiani sono andati direttamente in una casa di cura per vedere se ci sarebbero stati benefici sullo stato nutrizionale e sulla qualità ossea dei residenti.

La metà dei residenti ha preso un multivitaminico e metà non l'ha fatto per sei mesi. Quelli che hanno preso il multivitaminico avevano una densità ossea migliore e 63% in meno di cadute rispetto a quelli che non lo avevano (9).

  1. I cinesi hanno trovato risultati simili nei loro studi sui pazienti 3318 in uno studio di intervento nutrizionale. La loro compressa minerale multivitaminica conteneva 26 diverse vitamine o minerali e fu consumata per sei anni.

C'è stato un follow-up fatto 16 anni dopo. Negli uomini, il supplemento ha ridotto il tasso di fratture ossee di 63% durante il periodo di prova e la protezione per le ossa è continuata per i successivi anni 10. Questi benefici non sono stati osservati nelle donne (10).

  1. In uno studio in doppio cieco, controllato con placebo, di sola vitamina D3 e / o multivitaminico somministrato a giovani di età compresa tra 16 e 24 di anni con HIV che stavano assumendo un farmaco distruttivo per la densità osseasono stati trovati risultati positivi

Solo quelli che assumono sia la vitamina D che il minerale multivitaminico hanno aumentato la densità minerale ossea nel periodo di prova di quattro anni (11).

Correlata: la nostra lista dei migliori multivitaminici per uomo e i migliori multivitaminici per le donne

Probiotici

È un po 'difficile capire l'idea che i batteri intestinali possano eventualmente influire sulla salute delle ossa, ma una nuova ricerca dimostra che questo è vero.

A Boston, Massachusetts presso la Divisione di Reumatologia, Immunologia e Allergia a Brigham and Women's Hospital, i medici hanno riportato nel diario di Current Osteoporosis Reports in agosto 2017 che ci sono stati nuovi sforzi per esplorare l'effetto dei probiotici sull'osso (12).

Ogni volta che la microflora dell'intestino è interessata da antibiotici o integrazione probiotica, c'è un cambiamento nel rimodellamento osseo, nello sviluppo e nella crescita ossea e nella resistenza meccanica dell'osso (12) ..

Correlata: la nostra lista dei migliori probiotici

Proteine ​​del siero di latte

In uno studio sugli animali in Corea, gli scienziati hanno scoperto che sei settimane di integrazione con proteine ​​del siero del latte erano sufficienti per prevenire la perdita ossea, migliorare la forza dell'osso femorale e ridurre il riassorbimento osseo anche se i ratti non avevano ovaie (13).

Questo ci dà l'idea che le proteine ​​del siero del latte possono aiutare le donne che hanno colpito la loro menopausa per anni e hanno paura di sperimentare l'osteoporosi.

In un altro studio - questa volta uno studio sull'uomo - un integratore di siero di proteine ​​del siero assunto quotidianamente da donne e uomini con un peso corporeo normale per mettere il proprio apporto proteico a 0.8 grammi / kg è stato testato in pazienti 208.

La supplementazione ha conservato la massa magra senza compromettere negativamente lo scheletro oi reni (14).

Correlata: la nostra lista dei migliori integratori di proteine ​​del siero del latte

proteine ​​in polvere

Alla Penn State University, gli scienziati hanno condotto uno studio prospettico, randomizzato, controllato con placebo e in doppio cieco sugli atleti 147 che offrivano un integratore di collagene liquido bere a metà degli atleti.

L'altra metà ha assunto una bevanda liquida placebo senza collagene. Entrambi hanno consumato le loro bevande per le settimane 24. Hanno testato i livelli di dolore, mobilità e infiammazione degli atleti per vedere se si fosse verificato un effetto positivo.

Ciò che è migliorato è stato:

  • dolore articolare quando si cammina
  • dolore alle articolazioni stando in piedi
  • dolore articolare a riposo
  • dolore alle articolazioni durante il sollevamento
  • dolore articolare quando si corre una linea retta

I ricercatori hanno concluso che gli atleti che consumano proteine ​​in polvere (idrolizzato di collagene) sostengono la salute delle articolazioni e possono anche ridurre il rischio di deterioramento delle articolazioni (15).

In uno studio di Barcellona, ​​gli scienziati hanno anche esaminato gli studi sugli integratori di idrolizzato di collagene. L'idrolizzato di collagene ha piccoli peptidi con un peso molecolare inferiore a 5000 Dalton. È fatto tramite gelatinizzazione e poi rottura enzimatica del collagene animale.

Hanno trovato più di 60 studi scientifici a sostegno dell'idea che questo tipo di collagene riduce il danno al collagene nel corpo, riduce il dolore articolare e il danno articolare dall'osteoartrosi, aumenta la densità ossea e previene l'invecchiamento della pelle (16).

Correlata: i migliori tipi di polveri proteiche 9 da acquistare

Aminoacidi a catena ramificata (BCAA)

Gli amminoacidi a catena ramificata comprendono leucina, isoleucina e valina. Supplementi di aminoacidi a catena ramificata sono stati presi per gli atleti almeno negli ultimi dieci anni. Producono una risposta anabolica nel corpo, che aumenta le dimensioni dei muscoli. Per ogni bodybuilder, questo è un sogno che si avvera.

Non tutti gli scienziati concordano sul fatto che gli integratori di aminoacidi a catena ramificata funzionino. Presso l'Università dell'Arkansas per le scienze mediche, gli scienziati ritengono che gli aminoacidi a catena ramificata riducano la sintesi delle proteine ​​muscolari così come la rottura delle proteine ​​e la rottura delle proteine ​​muscolari supera la sintesi (17). Quindi scientificamente, non è possibile che BCAA funzioni.

I sostenitori della palestra e gli istruttori di fitness ritengono che ci sia una buona ragione per prendere questi supplementi. Gli studi dimostrano che possono migliorare la forza, che migliora indirettamente i tessuti ossei e articolari.

Un esempio è un gruppo del Regno Unito che ha testato gli uomini 26, metà con 4 grammi al giorno di un integratore di leucina e metà senza il supplemento. Tutti gli uomini hanno dovuto partecipare a un programma di allenamento di resistenza 12-week.

La domanda era chi avrebbe avuto i maggiori guadagni di forza - quelli sul supplemento o quelli non sul supplemento.

Gli uomini che assumevano gli integratori di leucina erano 10% più forti di quelli che non assumevano il supplemento contenente l'amminoacido a catena ramificata (18).

Correlata: la nostra lista dei migliori integratori BCAA

Curcuma / Curcumina

La curcumina è il costituente medicinale trovato nella pianta indiana delle spezie curcuma (Curcuma longa). La radice può essere acquistata nei negozi di alimentari e sembra simile alla radice di zenzero.

Molte persone sono molto sorprese nello scoprire che esistono oltre 40 diversi studi su come la curcumina è stata usata per trattare le malattie infiammatorie e l'artrite e che alcuni studi sono stati fatti anche sull'osteoporosi e sui tumori ossei.

Il modo in cui funziona la curcumina è disturbando l'attività di alcuni enzimi come la lipossigenasi. Questo enzima è correlato all'infiammazione. La curcumina altera anche l'espressione di citochine, recettori e molecole di adesione della superficie cellulare.

La curcumina contiene anche antiossidanti e composti antimicrobici. Alcuni di essi sono coinvolti nel rimodellamento osseo, che può aiutare il corpo a creare ossa più sane durante la guarigione.

Gli studi dimostrano che la curcumina inibisce il riassorbimento osseo negli studi sugli animali. Maggiore è la dose, maggiore è la risposta. Ad esempio, la curcumina 10uM somministrata agli animali per le ore 24 ha ridotto il numero di pozzi di assorbimento osseo di 80% (21).

La curcumina ha anche diminuito il numero di cellule osteoclastiche - le cellule che distruggono l'osso - negli animali diabetici (21). Quando si considera il fatto che l'osteoporosi è una questione di equilibrio tra le cellule che distruggono l'osso e quelle che accumulano l'osso, questa caratteristica della curcumina è importante. Ciò implica che la curcumina potrebbe modificare il bilancio delle cellule ossee per favorire maggiormente la densità ossea dell'edificio.

Un altro studio ha dimostrato che le femmine di ratto in stato di menopausa erano in grado di sviluppare la densità ossea consumando una dose elevata di 15 mg di curcumina al giorno per sei mesi (21).

Nell'osteoartrosi, la curcumina riduce i marker infiammatori come IL-6 e IL-8, 5-lipoxygenase e COX-2 (22). Riduce inoltre la formazione di radicali liberi di ossigeno e azoto che degradano la cartilagine (23)

Tutte queste informazioni indicano un concetto fondamentale: la curcumina è un buon aiuto per la salute delle ossa e delle articolazioni. E dal momento che è un alimento, puoi anche aggiungerlo ai tuoi piatti di verdure / carne per un sapore in più.

Correlata: la nostra lista dei migliori supplementi di curcuma & The migliori integratori di curcumina

Brodo d'osso

L'uso del brodo d'ossa risale a secoli fa. Anche nella letteratura medica, un rapporto 1934 afferma che il contenuto nutrizionale di brodi vegetali e ossei non è eccezionale (24). Il loro vantaggio potrebbe essere che contengono molta gelatina con piccole quantità di amido e zucchero.

Uno studio più recente (25) ha dissipato il mito che i brodi ossei sono ricchi di calcio. I ricercatori cinesi hanno scoperto che il contenuto di calcio era molto basso, inferiore al 5% dei livelli raccomandati giornalieri. Quindi, non è il calcio nel brodo osseo che aiuta le ossa a sentirsi meglio.

Le ossa degli animali concentrano metalli pesanti, come piombo, cadmio e alluminio, che possono essere rilasciati nell'acqua di cottura del brodo di ossa. Tuttavia, anche questo è stato recentemente respinto come un mito dagli stessi ricercatori cinesi menzionati sopra (25).

La fonte delle ossa potrebbe essere la chiave di questo problema; lo studio ha raccolto e utilizzato ossa di femore di maiali e mucche in un mercato di carne di Taiwan e Australia. Qui in America, se le ossa sono raccolte da agricoltori commerciali, il contenuto di metalli tossici potrebbe essere più di un vero problema.

Il vantaggio della gelatina nei disturbi ossei può essere il suo contenuto di glicina. L'idrolizzato di collagene deriva dalla gelatina e la gelatina è ricca di tre aminoacidi: glicina, prolina e idrossiprolina. Gli scienziati hanno riferito in 1952 che i pazienti con artrite reumatoide avevano un metabolismo anormale della glicina (26).

Ginger

Lo zenzero è stato usato localmente come un impacco per l'artrite, ma può anche essere preso internamente. I medici e gli scienziati del Bangladesh hanno riportato di recente in una rivista medica che di tutte le piante studiate, "è scientificamente palpabile che lo Zingiber officinale abbia un ruolo chiave nel ridurre il dolore insopportabile e l'infiammazione associata all'artrite reumatoide" (27).

L'azione antinfiammatoria dello zenzero è stata dimostrata per la prima volta in 1982. Gli scienziati hanno isolato i composti dalla pianta che hanno ridotto la produzione di prostaglandine nel corpo (27). Studi successivi hanno dimostrato che i leucotrieni, che aumentano anche l'infiammazione, sono ridotti dallo zenzero.

È stato anche riscontrato un supplemento di zenzero per abbassare i livelli di proteina C-reattiva, secondo i ricercatori cinesi, norvegesi e britannici che hanno valutato gli studi 9 sull'argomento. Il dosaggio non aveva importanza; finché è stato preso, i livelli di C-RP sono diminuiti (28)

Correlata: la nostra lista dei migliori integratori di zenzero

Metilsulfonilmetano (MSM)

MSM è un composto organosulfur naturale. Originariamente proveniva da dimetilsolfossido (DMSO), che viene utilizzato per sciogliere altri composti e portarli nel corpo attraverso applicazioni topiche.

La flora nel corpo assorbe MSM da un supplemento e quindi MSM penetra le membrane e permea tutto il corpo. Gli studi dimostrano che MSM agisce sul busting delle infiammazioni ed elimina lo stress ossidativo (29).

A un livello più profondo, MSM riduce COX-2 e indirettamente l'attivazione dei mastociti. I mastociti contribuiscono all'infiammazione con il rilascio di istamina. Ha anche proprietà antiossidanti, regolando l'equilibrio dei radicali liberi e degli enzimi antiossidanti nel corpo.

MSM si trova comunemente negli integratori con altri rimedi naturali come l'acido boswellico, condroitin solfato e glucosamina. Indipendentemente dal fatto che sia da solo o utilizzato con altri componenti, gli studi hanno mostrato miglioramenti significativi nel dolore e rigidità dell'artrite (29).

Correlata: la nostra lista dei migliori integratori MSM

Cosa farai per aumentare la salute delle ossa e delle articolazioni?

Ragazza che tiene il suo ginocchio nel dolore dopo il jogging

Da tutta questa ricerca puoi vedere che è possibile stare sulle spalle dei giganti e progredire, migliorando la salute delle articolazioni e delle ossa (19).

Nel fare il prossimo passo, vai avanti e fai più ricerche se ne senti la necessità. Quindi prendere una decisione su cosa iniziare per primo.

Monitorare le ossa e le articolazioni prima di iniziare scrivendo i sintomi e il dolore alle articolazioni durante le diverse attività svolte da uno dei ricercatori nel loro studio.

Tenere un registro per una settimana sul dolore alle articolazioni. Quindi avviare il supplemento. Dagli un mese e registra i tuoi risultati nei fine settimana per quegli stessi parametri che hai selezionato.

Quindi prendi la tua decisione. I risultati sono stati sufficienti per giustificare la continuazione del supplemento e / o l'aggiunta di uno nuovo?

Ⓘ Eventuali integratori specifici e marchi presenti in questo sito Web non sono necessariamente approvati da Donna.

Referenze
  1. De Almeida Goncalves, G., et al. L'estratto di tè verde migliora lo stato ossidativo del fegato e del cervello nei ratti con l'artrite indotta da adiuvante. Food Funct 2015 ago; 6 (8): 2701-11. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26146010
  2. Alghadir, AH, Gabr, SA e Al-Eisa, ES Tè verde e interventi di esercizio come rimedi non steroidi nei pazienti geriatrici con artrite reumatoide. J Phys Ther Sci 2016 Oct; 28 (10): 2820-29. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/27821943
  3. Sueoka, N., et al. Una nuova funzione del tè verde: prevenzione delle malattie legate allo stile di vita. Ann NY Acad Sci 2001 Apr; 928: 274-80. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/11795518
  4. Chu, C., et al. Estratto di tè verde epigallocatechina-3-gallato per diversi trattamenti. Biomed Res Int 2017; 2017: 5615647. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5572593/
  5. Huang, HY, et al. Integratori multivitaminici / minerali e prevenzione delle malattie croniche. Evid Rep Technol Assess (Full Rep). 2006 maggio (139): 1-117. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK38085/?report=reader
  6. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5572593/
  7. Dickinson, A., et al. Uso di integratori alimentari da parte di cardiologi, dermatologi e ortopedici: report di un sondaggio. Nutr J 2011 Mar 3; 10: 20. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/21371318
  8. Gacek, M. Associazione tra livello generale di autoefficacia e uso di integratori alimentari nel gruppo di giocatori di football americano. Rocz Panstw Zald Hlg 2016; 67 (1): 31-6. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26953579
  9. Grieger, JA, et al. L'integrazione multivitaminica migliora lo stato nutrizionale e la qualità ossea nei residenti di assistenza agli anziani. Eur J Clin Nutr 2009 Apr; 63 (4): 558-65. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/18043700
  10. Wang, SM, et al. L'integrazione multivitaminica e minerale è associata alla riduzione del rischio di fratture e al tasso di ospedalizzazione nei maschi adulti cinesi: uno studio randomizzato controllato. J Bone Miner Metab 2015 maggio; 33 (3): 294-302. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24849736
  11. Havens, PL, et al. La supplementazione di vitamina D3 aumenta la densità minerale ossea della colonna vertebrale negli adolescenti e nei giovani adulti con infezione da virus dell'immunodeficienza umana in trattamento con Tenofovir Disoproxil Fumarato: uno studio randomizzato, controllato con placebo. Clin Infect Dis 2018 Jan 6: 66 (2): 220-228. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/29020329
  12. Yan, Jing e Charles, Julia F. Gut microbioma e osso: costruire, distruggere o entrambi? Curr Osteoporos Rep 2017 Ago; 15 (4): 376-384. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5538387/ Sahni, S., et al. Associazione inversa di assunzione di carotenoidi con il cambiamento di 4-y nella densità minerale ossea in uomini e donne anziani: lo studio Framingham Osteoporosis. Am J Clin Nutr 2009 Jan; 89 (1): 416-24. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19056581
  13. Kim, J., et al. L'idrolizzato di proteine ​​del siero del latte previene la perdita ossea nei ratti ovariectomizzati. J Med Food 2015 Dec; 18 (12): 1349-56. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26367331
  14. Kerstetter, JE, et al. L'effetto di un integratore di proteine ​​del siero del latte sulla massa ossea negli adulti caucasici più anziani. J Clin Endocrinol Metab 2015 Jun; 100 (6): 2214-22. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25844619
  15. Clark, KL, et al. Studio 24-settimana sull'uso di idrolizzato di collagene come integratore alimentare negli atleti con dolore articolare correlato all'attività. Curr Med Res Opin May; 24 (5): 1485-96. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/18416885
  16. Figueres, JT e Bases Perez, E. Una panoramica degli effetti benefici dell'assunzione di collagene idrolizzato sulla salute delle articolazioni e delle ossa e sull'invecchiamento della pelle. Nutr Hosp 2015 Jul 18; 32 Suppl 1: 62-6. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26267777
  17. Wolfe, RR. Amminoacidi a catena ramificata e sintesi proteica muscolare nell'uomo: mito o realtà? J Int Soc Sports Nutr 2017 Aug 22; 14: 30. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28852372
  18. Ispouglou, T., et al. Supplemento giornaliero di leucina in tirocinanti alle prime armi durante un programma di allenamento con i pesi della 12-settimana. Int J Sports Physiol Eseguire 2011 Mar; 6 (1): 38-50. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/21487148
  19. Castrogiovanni, P., et al. Integratori nutraceutici nella gestione e prevenzione dell'osteoartrosi. Int J Mol Sci 2016 Dec 6; 17 (12). https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5187842/
  20. Nieman, DC, et al. Un integratore alimentare commercializzato allevia i dolori articolari negli adulti della comunità in uno studio clinico in doppio cieco controllato con placebo. Nutr J 2013 Nov 25; 12 (1): 154. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24274358
  21. Rohanizadeh, R., Deng, Y. e Verron, E. Azioni terapeutiche della curcumina dei disturbi ossei. Bonekey Rep 2016 Mar 2; 5: 793. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4774085/
  22. Mathy-Hartert, M., et al. La curcumina inibisce i mediatori pro-infiammatori e la produzione di metalloproteinasi-3 dai condrociti. Inflamm Res 2009; 58: 899-908. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19579007
  23. Jancinova, V., et al. La diminuzione dell'attività dei neutrofili in presenza di curcumina diferuloilmetano comporta l'inibizione della proteina chinasi C. Eur J Pharmacol 2009 Jun 10; 612 (1-3): 161-3. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19371737/
  24. McCance, RA, Sheldon, W. e Widdowson, EM Bone e brodo vegetale. Arch Dis Child 1934 ago; 9 (52): 251-258. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC1975347/
  25. Hsu, D., et al. Metalli essenziali e tossici nei brodi di ossa di animali. Food Nutr Res 2017; 61 (1): 1347478. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5533136/
  26. Limone, HM, Chasen, WH e Looney, JM Metabolismo anormale della glicina nell'artrite reumatoide. J Clin Investig 1952 Nov; 31 (11): 993-999. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC436502/
  27. Al-Nahain, A., Jahan, R. e Rahmatullah, M. Zingiber officinale: una potenziale pianta contro l'artrite reumatoide. Artrite 2014 maggio; 2014: 159089. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4058601/
  28. Mazidi, M., et al. L'effetto dell'integrazione di zenzero sulla proteina C-reattiva sierica, il profilo lipidico e la glicemia: una revisione sistematica e una meta-analisi. Food Nutr Res 2016; 60: 10.3402 / fnr.v60.32613. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5093315/
  29. Butawan, M., Benjamin, RL e Bloomer, RJ Methylsulfonylmethane: Applicazioni e sicurezza di un nuovo integratore alimentare. Nutrienti 2017 Mar; 9 (3): 290. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5372953/

Foto di riserva da wavebreakmedia / Maridav / Shutterstock

Iscriviti per aggiornamenti

Ricevi aggiornamenti su supplementi, notizie, omaggi e altro!

Qualcosa è andato storto. Si prega di controllare le voci e riprovare.

Condividi questo post!

Questo post è stato utile?
Facci sapere se ti è piaciuto il post. Questo è l'unico modo in cui possiamo migliorare.
10
non1

Lascia un tuo commento





Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.

Circa l'autore

Dr. Donna Schwontkowski

Dr. Donna Schwontkowski

Il dottor Donna è uno scrittore freelance molto ricercato sul tema della salute alternativa. Per gli anni 12, è stata la direttrice della rivista Health & Fitness di Sacramento, in California, la rivista che ha istruito migliaia di lettori su vari argomenti di salute, esercizio fisico e medicina alternativa. Email Donna.